I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Emergenza 118Numero Verde 800 221 290Cup 050 995 995

Disposizioni per la prevenzione della corruzione e della illegalità

Il responsabile anticorruzione per l’Azienda USL 5 di Pisa è
il Dott. Pasquale Scarmozzino ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
cui possono essere richiesti chiarimenti o inviato qualsiasi contributo.


Delibera n. 70/2015 - Adozion del Piano Triennale di Prevenzione della corruzione e del programma triennale per la trasparenza e l'integrità

Delibera 72 -  31/01/2014 - PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L`INTEGRITA`


 

 Disposizioni per la prevenzione della corruzione e della illegalità

 In data 6 novembre 2012 è stata approvata la legge n. 190 che detta disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e della illegalità nella pubblica amministrazione: finalità della legge è quella di fissare una serie di azioni volte alla prevenzione e al contrasto della corruzione.

 Il concetto di corruzione preso a riferimento dalla legge e dagli altri provvedimenti di attuazione ha una accezione ampia: le situazioni rilevanti non sono solo quelle disciplinate dal codice penale, ma anche le situazioni in cui venga in evidenza il malfunzionamento  dell’amministrazione a causa dell’uso a fini privati delle funzioni attribuite ovvero l’inquinamento dell’azione amministrativa ‘dall’esterno’, sia che tale azione abbia successo sia che rimanga a livello di tentativo.

 La legge ha previsto un sistema organico di prevenzione della corruzione, articolato su due livelli:

  •  nazionale , con l’approvazione di un Piano Nazionale anticorruzione
  • decentrato , a livello di ogni singola amministrazione pubblica ( e quindi da adottare anche da parte dell’Azienda USL 5 di Pisa) con l’adozione di un Piano triennale di prevenzione della corruzione (PTPC) che effettui l’analisi e valutazione dei rischi specifici di corruzione e con l’indicazione degli interventi organizzativi   volti a prevenirli.
  1. Legge 6 novembre 2012 n. 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e della illegalità nella pubblica amministrazione
  2. Piano Nazionale anticorruzione – Delibera CIVIT 72/2013
  3. D.P.R. n. 62 del 16 aprile 2013 Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell’art. 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.
  4. D.Lgs. 14 marzo 2013 n. 33 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni.
  5. Delibera CIVIT n. 58/2013

 

 

 


banco popolare